Affitto addio: ti spetta la casa popolare se non hai avuto sfratti per 5 anni

Accedere a una casa popolare richiede il rispetto di specifici requisiti e prevede una procedura ben definita da seguire.

L’idea di ottenere un alloggio a basso costo è un sogno per molti, specialmente in un contesto economico dove gli affitti sono in costante aumento. Le case popolari rappresentano una soluzione ideale per chi si trova in difficoltà economiche e ha necessità di un sostegno concreto per avere un tetto sopra la testa. Tuttavia, accedere a questi alloggi non è sempre semplice e i requisiti da soddisfare possono sembrare complessi.

affitto casa popolare
Le case popolari sono destinate a famiglie a basso reddito e richiedono requisiti specifici per l’assegnazione – thesenseofwonder.it

In Italia, le case popolari sono gestite da enti locali e regionali, che pubblicano bandi specifici per l’assegnazione di questi immobili. Conoscere le procedure e i requisiti necessari per accedere a una casa popolare può fare la differenza per molte famiglie.

Per ottenere una casa popolare, è necessario soddisfare una serie di requisiti specifici. Uno dei criteri fondamentali riguarda l’affidabilità del cittadino, che infatti non deve aver subito procedure di sfratto da altre case popolari negli ultimi cinque anni. Questo requisito è essenziale per garantire che le risorse vengano allocate a coloro che ne hanno realmente bisogno e che siano in grado di mantenere gli impegni di affitto.

Come ottenere una casa popolare: requisiti e procedure

Oltre al requisito di non aver subito sfratti, vi sono altri criteri da rispettare:

  • Il richiedente non deve possedere altri alloggi adeguati.
  • Non deve aver occupato abusivamente altre case popolari negli ultimi cinque anni.
  • Deve risiedere nel Comune dove presenta la domanda.
  • Il reddito familiare deve essere inferiore o uguale al limite massimo stabilito dal bando, considerando il numero di componenti del nucleo familiare e la presenza di eventuali disabilità.
come ottenere casa popolare
Non aver subito sfratti negli ultimi cinque anni è un criterio fondamentale per ottenere una casa popolare – thesenseofwonder.it

La domanda per l’assegnazione di una casa popolare deve essere presentata al Comune di residenza. Gli Iacp o Ater, che sono gli enti preposti, gestiscono l’intero processo, dalla costruzione degli alloggi alla loro assegnazione. È fondamentale verificare periodicamente la presenza di bandi attivi, consultando il sito web del Comune o rivolgendosi ai servizi di assistenza al cittadino.

La documentazione richiesta comprende una copia del documento di identità, una marca da bollo e le dichiarazioni ISE-erp e ISEE-erp che attestano la situazione economica del richiedente. Una volta presentata la domanda, le richieste vengono esaminate e viene stilata una graduatoria, pubblicata sul sito del Comune o nelle aree informative destinate al pubblico.

Gli affitti delle case popolari sono notevolmente inferiori rispetto al mercato privato. Ad esempio, l’affitto mensile per un bilocale può essere di circa 50 euro, per un trilocale 100 euro e per un quadrilocale 200 euro. Questi importi variano a seconda del Comune in cui si trova l’immobile.

La legge n.560 del 24 dicembre 1993 prevede che gli assegnatari di case popolari o i loro familiari conviventi possano anche riscattare l’immobile in futuro. Per farlo, è necessario che l’assegnazione duri da almeno cinque anni, che non vi siano morosità negli affitti e che il reddito familiare non superi il massimo previsto. Inoltre, è richiesto che il richiedente sia cittadino italiano, europeo o extracomunitario con permesso di soggiorno, e che risieda nel Comune.

Impostazioni privacy