Vuoi vivere un’esperienza tra storia e arte? Visita Vinci, il borgo dov’è nato Leonardo

Vinci è un paese della Toscana che presenta diverse attrattive dal punto di vista storico. Ecco com’è il luogo dove è nato Leonardo.

Vinci è il borgo che ha dato le sue origini a uno dei più straordinari geni della storia: Leonardo Da Vinci. Ma che cosa si può visitare? Ecco tutti i dettagli.

Vinci borgo dove è nato Leonardo
Vinci: ecco perché bisogna visitarlo-(thesenseofwonder.it)

Leonardo Da Vinci è uno scienziato la cui personalità continua ad affascinare. Vissuto tra il 1452 e il 1519 è stato filosofo, scultore, pittore, musicista, progettista e molto altro. Oltre alla Gioconda che si trova al Louvre di Parigi tra i suoi quadri più famosi ci sono: L’ultima cena, l’Annunciazione e la Dama con l’ermellino. Ha realizzato opere per la famiglia Medici, per gli Sforza e Francesco I. Le sue spoglie sono conservate presso la cappella di Saint Hubert al castello di Amboise, in Francia. Ma dove si trova il suo luogo di nascita? Ecco tutti i dettagli

Vinci: tutte le sue meraviglie

Vinci è una meta da non perdere per chiunque si rechi in Toscana. Si tratta di un piccolo e delizioso borgo in cui ad ogni angolo si può respirare la vita di uno dei grandi maestri della storia: Leonardo. Il borgo si trova nella frazione di Anchiano, in provincia di Firenze.

Vinci meraviglie
Vinci: tutto sul borgo di Leonardo-(thesenseofwonder.it)

Tra le attività che si possono intraprendere c’è la visita a un museo diviso in tre sedi. La parte principale dell’esposizione si trova presso il Castello dei Conti Guidi. Qui si trovano le macchine da guerra e i modelli di invenzione di Leonardo. Il percorso si snoda anche in Palazzo Uzielli dove sono evidenziati i vari hobby dell’artista come lo studio dell’anatomia, gli orologi, ecc… La Villa del Ferrale, invece, consente di conoscere Leonardo pittore. Insomma una vera immersione nella vita del grande artista toscano.

Chi amasse le escursioni può dedicarsi al trekking. Tra i percorsi migliori c’è la Strada del Verde che porta i visitatori dalla casa natale del genio al centro del borgo. Un altro percorso è quello del Sentiero di Via di Caterina. Lungo più di 4000 metri accompagna il visitatore fino alla Chiesa di San Pantaleo. Chi volesse poi rilassarsi può recarsi presso la Biblioteca leonardiana dove spiccano 16 mila documenti riguardanti il pittore. Vinci è una località turistica dove si possono trovare caffè e ristoranti dove provare la cucina del luogo senza rimanerne delusi.

Questo posto offre molteplici spunti da punto di vista storico e naturalistica, una meta da non mancare per conoscere qualcosa in più su una delle figure più significative del Rinascimento.

Impostazioni privacy