LANGHE ON THE ROAD, I BORGHI PIÙ BELLI

LANGHE ON THE ROAD, I BORGHI PIÙ BELLI

TRA VIGNETI,CASTELLI E CHIESETTE COLORATE, UN ON THE ROAD ALLA SCOPERTA DEI BORGHI PIÙ BELLI DELLE LANGHE

La zona delle Langhe è stata dichiarata Patrimonio Unesco dal 2014. Io ci ho messo un po’ più di tempo per scoprirla e per iniziare ad apprezzarla al di là delle sue eccellenze gastronomiche. Nonostante sia conosciuta tra gli americani come la Food Valley, per via dei suoi pregiati vini e per i prelibati cibi locali, questa terra riesce ad ammaliare anche grazie ai panorami mozzafiato, ad antichi castelli e a suggestivi borghi.

Per poter essere esplorate a dovere, richiederebbero almeno una settimana, ma con un on the road intensivo di un weekend si possono scoprire tutti i borghi più belli delle Langhe. Allaccia le cinture, si parte!

 

I BORGHI PIÙ BELLI DELLE LANGHE

 

1. NEIVE

Il primo borgo degno di visita che si incontra durante un on the road nelle Langhe è Neive, dall’aspetto medioevale e signorile. Tra i palazzi più belli del suo florido passato, sono da annoverare Palazzo dei Conti di Castelborgo e Palazzo Borgese. Impossibile, poi, non notare il maestoso palazzo ricoperto di edera che ospita al suo interno uno dei ristoranti più buoni della zona, l’Aromatario. 

Prima di procedere con la tappa successiva, vi consiglio la visita in una delle cantina scavate direttamente nella roccia, tra le quali la Cantina del Glicine, tra le più antiche del Piemonte.

 

Borghi più belli delle Langhe

 

2. GRINZANE CAVOUR

Grinzane Cavour è un piccolo paesino di appena 2.000 abitanti che deve il suo nome al ben noto Camillo Benso conte di Cavour, che ne fu il sindaco per circa 20 anni. A dominare il paese, il Castello che si erge maestoso tra le colline e che, da solo, vale già la visita al borgo. È il luogo ideale per chi è alla ricerca di una passeggiata in pieno relax, per tutti gli amanti di storia e di letteratura, ma soprattutto per chi desidera gustarsi un buon bicchiere di vino con una vista eccezionale!

 

Castello Grinzane Cavour

 

3. LA MORRA 

Prendi poi l’auto per percorrere l’intrico di stradine che ti porterà fino a La Morra, dalla quale si gode di un panorama a 360 gradi sulle colline circostanti e sulle ordinate vigne. Andando verso il paese, si possono scorgere la pittoresca Cappella del Barolo (Borgata Cerequio) e una delle tante panchine giganti disseminate lungo il territorio (frazione Santa Maria). Un’altra tappa da non tralasciare durante la vostra visita a La Morra è quella al secolare Cedro del Libano (frazione Annunziata). 

 

Cappella del Barolo

Cedro del Libano

 

4. BAROLO

Barolo è senz’altro il borgo più celebre e prestigioso delle Langhe. La sua fama è arrivata sin oltreoceano, grazie al suo pregiatissimo ed omonimo vino. Tuttavia, tra caratteristiche botteghe e pregiate vinerie, Barolo sa stupire il viaggiatore anche grazie al Castello Falletti che, nel corso degli anni, è stato restaurato e riportato al suo antico splendore. Ad oggi, è sede del WiMu, il più innovativo Wine Museum d’Italia. 

 

Barolo cosa vedere

 

5. MONFORTE D’ALBA

Monforte d’Alba rientra senza dubbio tra i paesini più pittoreschi del Piemonte. Al pari degli altri borghi, si trova in una posizione privilegiata sulle colline delle Langhe ma a contraddistinguerlo sono i colori pastello che si trovano tra i suoi vicoli. Monforte d’Alba sa regalare all’occhio più attento alcune opere d’arte nascoste tra un calice di vino e un buon piatto di agnolotti. 

 

Monforte d'Alba

Monforte d'Alba cosa vedere

 

6. SERRALUNGA D’ALBA

Tra i tanti castelli della zona, spicca quello di Serralunga d’Alba, un grazioso paesino che deve la sua fama proprio al particolare castello che rappresenta l’unico dongione in Italia. Il termine deriva dal francese donjon e indica un castello-torre che si sviluppa prevalentemente in altezza. Risalente al 1340, veniva utilizzato per scorgere qualsiasi forma nemica che si aggirasse tra le colline circostanti. Ad oggi è visitabile da marzo a dicembre. 

 

Castello Serralunga d'Alba

 

7. COAZZOLO

Posto proprio sul confine tra Langhe e Monferrato, si trova Coazzolo, dove è possibile ammirare la seconda chiesa più colorata d’Italia, sempre opera di David Tremlett che ha utilizzato tre colori dominanti – giallo, verde oliva, terra di Siena – per ricoprire tutta la sua superficie. A pochi metri dalla Chiesa della Beata Vergine del Carmine, si trova la Vigna dei Pastelli che regala un colpo d’occhio unico!

 

Coazzolo Langhe

 

Se ti recherai nelle Langhe per un weekend romantico, non dimenticarti una visita alle tantissime cantine disseminate sul territorio, qui trovi il post dedicato per scoprire quelle più belle e interessanti della zona!

E a un buon calice di vino rosso, non ti resta che assaporare le prelibatezze locali in uno dei tanti ristoranti con vista della zona, come Arborina Relais o la Trattoria nelle Vigne