SCHLOSS NYMPHENBURG, VISITA AL CASTELLO DELLE NINFEE

SCHLOSS NYMPHENBURG, VISITA AL CASTELLO DELLE NINFEE

LA BAVIERA È UNA DELLE REGIONI PIÙ FIABESCHE DI TUTTA LA GERMANIA. VI ACCOMPAGNO AL CASTELLO DELLE NINFEE, NEL CUORE DI MONACO

Vi ricordate del mio post su come organizzare un viaggio a Monaco di Baviera in due giorni? Ecco il link. Sul podio dei luoghi che più ho preferito, rientra lo Schloss Nymphenburg o, detto in maniera più comprensibile e pronunciabile, il Castello delle ninfee. Si trova poco lontano dalle attrazioni principali e con questo post voglio mostrarvi come, nonostante la sua visita potrebbe richiedere un paio d’ore, ne valga assolutamente la pena!

La sua struttura barocca, unita al tocco italiano dell’architetto Barelli, è in grado di stupire anche i visitatori più scettici e allergici ai castelli fiabeschi. Percorrendo la Arnulfstrße, il Castello si presenta man mano in tutto il suo candore e la sua maestosità (è talmente grande che è impossibile riuscire a racchiuderlo in un’unica foto!), circondando da un laghetto nel quale sguazzano indisturbati eleganti cigni. Questo posto così magico risale al 1662, quando il principe Ferdinand di Baviera decise di festeggiare la nascita del suo primogenito ed erede al trono Max Emanuel… del resto, qual è il padre che non regala un castello al proprio figlio? 

castello ninfee Monaco Baviera

giardini castello Ninfee

Percorso il giardino costeggiato dai canali d’acqua e da profumatissimi fiori, ci addentriamo tra i principeschi e sfarzosi (a volte un po’ kitsch) interni del castello. Ad accoglierci, la maestosa Steinerner Saal, a mio avviso la stanza più bella di tutto il complesso. Questa grande sala delle feste, affrescata da Zimmermann con elementi mitologici, divenne celebre poiché qui venne battezzato il re Ludwig e nel 1762 si esibì Mozart quando ancora era bambino. Seguono la Schönheitsgalerie, che custodisce alcuni dei più bei ritratti di nobildonne e cortigiane eseguiti dal pittore Stieler su commissione del principe, e la stanza verde nella quale venne partorito il re Ludwig II. 

castello ninfee Monaco Baviera

Uscendo dal castello, ci si ritrova immersi nel verde del curatissimo parco di 200 ettari posto sul retro. Qui ci si ritrova capovolti in un contesto fiabesco fatto di alberi secolari, corsi d’acqua, ninfee ed alcuni regali padiglioni, come l’Amalienburg, un castello di dimensioni decisamente più ridotte ma dagli altrettanti sfarzosi interni barocchi. Il parco è accessibile a tutti, infatti qui troverete molte persone del luogo intente a fare jogging. 

castello ninfee Monaco Baviera

Castello ninfee Monaco

Prima di lasciare il castello alle vostre spalle, meritano sicuramente una visita il museo delle porcellane e il Marstallmuseum, lo sfarzoso museo delle carrozze che custodisce un’ampia collezione di sontuose carrozze ed equipaggiamenti utilizzati dalla famiglia reale per gli eventi più svariati, da semplici spostamenti in città, a matrimoni e funerali. Alcune richiamano anche alcuni importanti avvenimenti storici, primo tra tutti l’incoronazione del Principe Carlo Alberto che si tenne a Parigi. Se avete poco tempo a disposizione, potete acquistare il biglietto relativo unicamente agli interni del Castello, ma valgono sicuramente una visita anche questi due musei per essere trasportati letteralmente indietro nel tempo e immedesimarsi, almeno per qualche minuto, nella famiglia reale. 

museo carrozze Monaco

 

INFO UTILI

 

  • Raggiungere il castello delle ninfee: tram numero 17 dalla stazione centrale o autobus 51.
  • Orari di apertura: da aprile al 15 di ottobre h. 9-18 ; dal 15 ottobre a marzo h. 10-16. Chiuso il 25/25/31 dicembre e il 1 gennaio. Durante i mesi invernali, il Palazzo resta aperto ma sono chiusi i padiglioni del parco.
  • Biglietti: dal 1 aprile al 15 ottobre, €11.50 / ridotto €9. Dal 16 ottobre al 31 marzo, €8.50 / ridotto €6.50. La tariffa include la visita al castello, i padiglioni del parco, il museo delle porcellane e quello delle carrozze. È possibile acquistare anche i biglietti per le singole attrazioni.