STORIE DI #INSTAMEET: A STRESA CON IGERSVERBANIA

STORIE DI #INSTAMEET: A STRESA CON IGERSVERBANIA

Cinque mesi fa entravo a far parte dell’associazione Igersitalia, che rappresenta la fusione perfetta tra fotografia, social network e gite fuori porta alla scoperta delle bellezze del territorio italiano. Tutto ciò che più amo racchiuso in un’unica grande community che, attraverso il Visual storytelling, Challange e Meeting fotografici, racconta e promuove il patrimonio unico ed inimitabile che contraddistingue il nostro Bel Paese. 

Uno degli ultimi #Instameet al quale ho partecipato è stato organizzato da @IgersVerbania e @IgersTorino alla scoperta di Stresa e delle Isole Borromee. Non ci ero mai stata, un po’ perché i laghi mi hanno sempre trasmesso malinconia (devo essere stata oggetto di una grave crisi adolescenziale ingiustificata), sia perché non ce ne era mai stata l’occasione, ho colto al volo questa opportunità e, inutile a dirsi, me ne sono perdutamente innamorata. Mettete una cornice montuosa che si specchia nelle acque del lago che cullano le Isole Borromee, dei verdeggianti percorsi naturalistici e dei lussuosi hotel in stile liberty, ingredienti perfetti per trascorrere una piacevole giornata in una delle mete più gettonate del Lago Maggiore

ISOLA BELLA E PALAZZO BORROMEO

In mattinata ci dirigiamo in battello a Isola Bella che, insieme a Isola Madre e Isola dei Pescatori, va a comporre le Isole Borromee, raggiungibili in breve tempo tramite appositi battelli da Stresa. Originariamente borgo di pescatori, Isola Bella mutò radicalmente il suo aspetto quando la famiglia Borromeo, già proprietaria dell’Isola Madre, la acquistò nel 1630 e, da allora, si susseguirono anni di lunghi lavori per dare vita a ciò che oggi è l’affascinante Palazzo Borromeo in stile barocco e il suo giardino all’italiana sospeso sull’acqua. 

Sono circa un centinaio le stanze che compongono il Palazzo Borromeo ma, essendo tutt’oggi residenza estiva della nobile famiglia, sono solo una ventina quelle visitabili. Al loro interno custodiscono elementi d’arredo di rara bellezza e grotte sotterranee realizzate con un intrigo di mosaici di conchiglie, tufo e marmo. Completato il percorso di visita, attraversiamo una stanza adornata da imponenti arazzi fiamminghi raffiguranti la lotta tra il bene e il male, per poi dirigerci verso il meraviglioso giardino che si sviluppa su differenti livelli e terrazzamenti, arricchiti di elementi architettonici, coloratissima fauna e splendidi pavoni dal manto bianco. 

 

VILLA PALLAVICINO

Dopo il pranzo sull’Isola Bella al Bistrot Fornello, consigliatissimo per la sua vista privilegiata sul lago e per l’ottimo e ricercato cibo che offre, torniamo a Stresa per visitare il parco di Villa Pallavicino, una residenza signorile ottocentesca circondata da 20 ettari di un rigoglioso parco che ospita al suo interno un giardino botanico e un piccolo zoo, con caprette, lama, daini, zebre, fenicotteri e molto altro! Tre ore di immersione totale nella natura, tra colori e profumi che hanno saputo scacciare via quella malinconia che da piccolina associavo al lago per fare spazio a un senso di pace e di tranquillità.  

E poi ci sarebbero ancora la vicina Villa Taranto, le altre magnifiche Isole, le cittadine di Intra e Cannero, e, perché no, la Svizzera, raggiungibile in soli 40 minuti di battello o in un’ora di auto. Ma questa è tutta un’altra storia, e chissà che i nostri amici Igers non organizzino un’altra splendida giornata come questa da trascorrere in compagnia! E voi, non siete ancora iscritti all’associazione? 😉 

INFO UTILI

Sia il palazzo Borromeo, sia il parco di Villa Pallavicino sono aperti tutti i giorni dalle ore 9:00 alle ore 17:30, dal 24 Marzo al 22 Ottobre. Il costo del biglietto per il Palazzo più i giardini è di €16 e di €9 per la Villa, con agevolazioni per ragazzi e comitive.