DALL’ITALIA ALLA SVIZZERA CON IL TRENINO ROSSO DEL BERNINA

DALL’ITALIA ALLA SVIZZERA CON IL TRENINO ROSSO DEL BERNINA

IL TRENINO ROSSO DEL BERNINA PARTE DA TIRANO E RAGGIUNGE ST. MORITZ, IN UN VIAGGIO EMOZIONANTE TRA LAGHI, GHIACCIAI E FORESTE

Salire sul Trenino Rosso del Bernina è come entrare in un teatro d’altri tempi per godersi comodamente seduti uno spettacolo unico, fatto di paesaggi mutevoli e di colori contrastanti. Da una parte il rosso vivo del treno e dall’altra il bianco scintillante dei ghiacciai, il verde accesso dei prati e il blu cristallino dei laghi. 

Il Trenino Rosso parte dall’Italia, da Tirano, in provincia di Sondrio, per raggiungere la Svizzera, percorrendo quella che è la ferrovia più alta d’Europa, arrivando fino a più di 2000 metri. Il tempo di percorrenza per raggiungere St. Moritz è di due ore e mezza circa. Tante, direte voi, ma vi assicuro che non ve ne accorgerete nemmeno e in un attimo vi troverete immersi in un paesaggio incantato che non vi farà distogliere lo sguardo dal finestrino nemmeno per un secondo.

La storia di questa particolare tratta risale a più di 100 anni fa, quando emerse la necessità di creare un collegamento tra le diverse valli, ma soprattutto per incentivare il turismo e permette all’élite di raggiungere quella che era una delle mete privilegiate sia per le vacanze estive sia per quelle invernali. Nel corso degli anni, è diventato uno dei treni che più affascinanti per i turisti di tutto il mondo e, dal 2008, è entrato a far parte dei siti del Patrimonio Unesco

Quando ho fatto questa gita fuori porta era una splendida giornata di marzo, mese perfetto per assaporare i primi caldi e per gustarsi ancora la candida neve e i ghiacciai ancora intatti. Lasciandoci alle spalle Tirano, il trenino si addentra da subito nel territorio svizzero, percorrendo la Valle di Poschiavo e il viadotto di Brusio. Dopo pochi kilometri, il trenino si specchia nelle acque del Lago di Poschiavo, incorniciato dalle montagne innevate e dagli alberi in fiore. Dopo il paesaggio verdeggiante, si giunge al punto più alto, costeggiando i laghi e gli spettacolari ghiacciai del passo del Bernina. Il paesaggio è davvero da cartolina e non si può fare a meno di sbucare fuori dal finestrino con la macchina fotografica per immortalare ogni riflesso e dettaglio. Il trenino prosegue scendendo dolcemente fino a valle, raggiungendo St. Moritz. Qui è finalmente possibile scendere e godersi una passeggiata in questa rinomata cittadina svizzera, costeggiando l’immenso lago e percorrendo le strette viuzze che offrono una vista dall’alto davvero unica! 

INFORMAZIONI UTILI

  • Io ho scelto di fermarmi a St. Moritz, ma il trenino procede fino a Coira, piccola cittadina svizzera ricca di storia e di divertimenti. 
  • Esistono due tipologie di biglietto, il Treno Regionale e il Bernina Express. Per quanto riguarda il Treno Regionale, è possibile acquistare il biglietto direttamente sul posto, mentre per il Bernina Express è richiesta la prenotazione, dal momento che vi assegnano dei posti fissi. È possibile acquistare anche il biglietto per la carrozza panoramica, ma questo richiede un supplemento che va dai 5 ai 14 franchi svizzeri, a seconda della stagione.
  • I biglietti costano 65 franchi per un’andata/ritorno da Tirano a St. Moritz e viceversa. Se siete un gruppo di almeno 6 persone, viene applicato uno sconto del 20% sulla tariffa individuale. 
  • Con il biglietto acquistato, è possibile fare delle fermate intermedie e prendere i treni successivi, l’importante è che sia della stessa tipologia di quello del biglietto acquistato (regionale o express).
  • Se volete scendere dal treno, potrete premere il bottone vicino alla porta, in modo da poter avvisare il conducente. 
  • Tirano è raggiungibile facilmente in auto oppure comodamente con il treno da Milano (un altro treno?? Meglio l’auto, avete ragione). 
  • A questo link potrete trovare tutti gli orari necessari, validi fino a dicembre 2017.